Relazione critica tra frequenza respiratoria, frequenza cardiaca e cadenza

Nei modelli più recenti (Forerunner 945, Fenix ​​6, MARQ, Vivoactive 4, ecc.), con la fascia di frequenza cardiaca, puoi rilevare ulteriormente la tua frequenza respiratoria (solo per alcuni modelli) e puoi anche continuare a mantenere un record per tutta la giornata ogni giorno.

Questo valore ha lo stesso scopo della frequenza cardiaca. Può aiutarci a monitorare l’intensità in modo tempestivo durante l’allenamento. Successivamente, vedremo come applicare la frequenza respiratoria durante l’esercizio.

Che cos’è la frequenza respiratoria

Un respiro completo include sia inspirazione che espirazione. La frequenza respiratoria è definita come il numero di respiri completati al minuto.

Normalmente, il numero di respiri di un adulto al minuto è di circa 12-20 volte; tuttavia, questo si riferisce allo stato di non esercizio. Durante l’esercizio, il numero di respiri è destinato a essere superiore all’intervallo di 12-20.

Considera la differenza nella frequenza respiratoria tra il periodo di esercizio e il periodo di non esercizio . Discuteremo i due tipi, periodo di esercizio e periodo di non esercizio, separatamente di seguito.

Parte I: frequenza respiratoria e frequenza cardiaca (periodo di esercizio e periodo di non esercizio)

[Periodo di esercizio]

La tabella seguente mostra i tre tipi di esercizi che ho eseguito di recente: Forza, Corsa ed Ellittica. Ho registrato la mia frequenza cardiaca minima, massima, media e la respirazione durante il periodo di esercizio. Ho anche calcolato il rapporto tra frequenza cardiaca ÷ frequenza respiratoria .

Dopo aver preso la media dei 17 dati raccolti, abbiamo scoperto che il rapporto tra frequenza cardiaca ÷ frequenza respiratoria è di circa 4 indipendentemente dal fatto che è medio, minimo o massimo.

Questo numero magico è molto vicino alle informazioni disponibili su Internet. Il rapporto tra frequenza respiratoria media e frequenza cardiaca di un adulto è di circa 1: 4, il che significa che per ogni respiro il cuore batte 4 volte.

La cosa interessante è che il rapporto tra frequenza respiratoria e frequenza cardiaca menzionato in questo documento è il rapporto ottenuto durante il “periodo di non esercizio”. Tuttavia, era inaspettato che il rapporto misurato durante il periodo di esercizio fosse effettivamente così in linea con quello.

Nota: ho utilizzato la fascia cardio HRM-Tri + FR945 per eseguire il test per le informazioni di cui sopra.

Anche se dalla media complessiva, i dati sono molto coerenti con il principio della frequenza respiratoria: frequenza cardiaca = 1: 4. Se analizziamo le modifiche durante il processo di esecuzione effettivo, otterremo lo stesso risultato?

Dal grafico, possiamo vedere che la frequenza cardiaca media dell’esercizio a 20 minuti e 30 secondi è di circa 171 bpm (andatura 3 ‘ 53 ‘/ k) e la frequenza respiratoria media è di 36 brpm.

Quindi, la frequenza cardiaca ÷ frequenza respiratoria = 4,75, che è superiore al valore medio di 4,2 durante questa corsa. Ciò è dovuto principalmente al fatto che quando si è a un ritmo più veloce, la frequenza cardiaca è relativamente più alta, ma non è necessario che la frequenza respiratoria aumenti tanto.

Frequenza respiratoria: frequenza cardiaca = 1: 4 è il concetto medio generale.

Tuttavia, questo potrebbe non essere il caso in situazioni estreme.

Ad esempio, attraverso la mia osservazione, ho visto che la mia frequenza respiratoria massima era di circa 58 ~ 59 e la mia frequenza cardiaca massima raggiungeva 188, quindi il rapporto di conversione era di circa 3,2.

Quando dormo, la mia frequenza cardiaca minima era 40 e la mia frequenza respiratoria minima era 6, quindi il rapporto di conversione era di circa 6,67. Vale a dire, sebbene il rapporto complessivo sia ancora intorno a 4, ma dal minimo a 3,2 al massimo a 6,67 può ancora verificarsi.

[Periodo di non esercizio]

La funzione che utilizzo durante il periodo di inattività è Garmin Elevate dell’orologio per rilevare la mia frequenza respiratoria durante il giorno. Per il periodo di non esercizio, la frequenza respiratoria è suddivisa in due tipi: media da sveglio e media da addormentata.

Sebbene l’orologio abbia anche la funzione di fornire la frequenza cardiaca nelle 24 ore, fornisce solo il grafico delle tendenze e non calcola la frequenza cardiaca media per il giorno. Inoltre, se mi sono allenato quel giorno, la frequenza cardiaca durante il giorno includerà anche la frequenza cardiaca dell’esercizio.

Pertanto ho scelto la “Frequenza cardiaca durante il sonno” come riferimento per la frequenza cardiaca minima, massima e media durante il periodo di non esercizio. Per i valori minimo e massimo della frequenza respiratoria durante il periodo di non esercizio, ho utilizzato anche i valori minimo e massimo misurati durante il sonno.

Siamo in grado di vedere che c’è una differenza piuttosto grande tra il rapporto calcolato sia dal “minimo” che dal “massimo”, che erano, rispettivamente, 6,6 e 2,9, e il valore [4]. Supponiamo che il motivo principale sia perché entrambi sono valori di picco. Sono i valori anomali estremi che si verificano durante il sonno, quindi causeranno una deviazione maggiore nel rapporto calcolato.

Tuttavia, se prendiamo la frequenza respiratoria media e la frequenza cardiaca dell’intero sonno, il rapporto calcolato di 3,8 è abbastanza coerente con il valore di [4].

I dati della frequenza respiratoria massima e della frequenza respiratoria media del sonno per 3/29 nella tabella sono mostrati in blu, principalmente perché i dati per quel giorno sono anormali.

Puoi utilizzare la funzione di frequenza respiratoria di 24 ore per controllare la frequenza respiratoria in ogni momento e visualizzerà le tre valori, ovvero la media, il minimo e il massimo, per il periodo di veglia.

Se è necessario visualizzare la media durante il sonno, è necessario accedere al grafico dell’analisi del sonno per visualizzarla.

La frequenza respiratoria non è stata registrata tra le 12 e l’1 (ha fatto esercizio di corsa), perché l’orologio utilizza l’HRV per analizzare. Se sei eccessivamente eccitato, Garmin Elevate non sarà in grado di effettuare il rilevamento.

Se è necessario controllare la frequenza respiratoria durante l’allenamento, indossare una fascia per la frequenza cardiaca * con un dispositivo compatibile * per registrarla. La suddetta modalità di esercizio deve essere selezionata per visualizzarla.

* HRM-Tri + Forerunner 945

Parte II: Frequenza delle falcate e frequenza respiratoria durante la corsa (solo durante l’attività fisica)

In Garmin Connect (GC), ci sono istruzioni su come respirare durante la corsa. Scoprirai che diverse frequenze di falcate e metodi di respirazione vengono adottati in base a diversi requisiti di velocità, come il comune 2 a 2, che è inspirare mentre fai due passi ed espira mentre fai due passi.

Ovviamente, nella corsa reale, devi solo respirare in modo fluido e naturale. Non è necessario eseguire deliberatamente 2 inspirazioni-2 espirazioni o 3 inspirazioni-3 espirazioni, ma poiché l’attrezzatura Garmin è ora in grado di rilevare la frequenza respiratoria, è anche piuttosto interessante analizzare [in seguito] e comprendere il proprio schema di respirazione quando in esecuzione.

La velocità di stimolazione influirà sul passo e sulla respirazione. Quindi abbiamo elencato la colonna “pacing” come uno degli indicatori di riferimento.

Non importa se il ritmo è veloce o lento. In media, viene completato un ciclo respiratorio ogni 4,3-5,4 passaggi, quindi la differenza non è grande.

Rispetto alle istruzioni fornite da GC, questo è da qualche parte tra le modalità da 3 a 3 e da 2 a 2, ovvero un ciclo di respirazione viene completato ogni 4-6 passaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *